Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

DISCORSO DEL CONSOLE D’ITALIA A RECIFE PER LA FESTA DELLA REPUBBLICA 2021

Data:

02/06/2021


DISCORSO DEL CONSOLE D’ITALIA A RECIFE PER LA FESTA DELLA REPUBBLICA 2021

Cari connazionali e amici,
Sono lieta di rivolgervi a voi in occasione delle celebrazioni della Festa Nazionale. Festeggiamo oggi la più importante ricorrenza istituzionale del nostro Paese, il referendum che 75 anni fa sancì la nascita stessa della Repubblica italiana, basata sui valori della libertà, della democrazia, dell’uguaglianza e della pacifica convivenza tra i popoli.
Anche quest’anno l’anniversario del 2 giugno ricorre in un periodo difficile caratterizzato dalla pandemia che continua a colpire fortemente sia l’Italia che il Brasile. Per il secondo anno, non ci è dunque possibile celebrare come avremmo voluto, insieme a voi, e siamo costretti a farlo in maniera virtuale. È certamente un momento delicato, ma credo che proprio nei momenti più delicati e difficili si possano riscoprire la profonda amicizia che ci unisce e i valori comuni che rendono i rapporti tra Italia e il Nordest del Brasile così forti e fraterni.
Quest’anno ha segnato anche l’inizio del mio mandato come Console d’Italia a Recife. Desidero dunque salutare con affetto la collettività italiana e italo brasiliana residente nel NordEst e ringraziare il personale del Consolato di Recife e della rete consolare, il Comitato degli Italiani all’estero e le tante associazioni ed enti impegnati a promuovere la collaborazione tra Italia e questa regione del Brasile.  
Vorrei infine cogliere l’occasione delle celebrazioni della Festa Nazionale per ribadire agli italiani, agli italo-brasiliani e a tutti gli amici dell’Italia, l’impegno continuo del Consolato d’Italia a Recife a sostegno della collettività qui presente e per il rafforzamento dei legami storici, culturali e commerciali tra l’Italia e il Nordest del Brasile.
Auguri per la Festa della Repubblica!


397