Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Naturalizzazione / Cittadinanza per matrimonio (dopo 27/04/1983)

 

Naturalizzazione / Cittadinanza per matrimonio (dopo 27/04/1983)

Nota bene:  Si consiglia agli interessati  la lettura dell´Art.12, II, della Costituzione della Repubblica Federale del Brasile (1988) nonche’ il sito www.mj.gov.br/estrangeiros - Seção “Nacionalidade e Naturalização, perda da nacionalidade brasileira” .

L´acquisto della cittadinanza da parte del coniuge straniero o apolide di cittadino(a) straniero(a) è disciplinato dagli artt. 5, 6, 7 e 8 della L. 91/92.

A decorrere dal 5 ottobre 2018 - ai sensi dell'art. 14 del D.L. 4 ottobre 2018, n. 113 recante "Disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica, nonché misure per la funzionalità del Ministero dell'interno e l'organizzazione e il funzionamento dell'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata", pubblicato nella G.U. n. 231 del 2018 - il contributo, al cui pagamento sono soggette le istanze o dichiarazioni di elezione, acquisto, riacquisto, rinuncia o concessione della cittadinanza italiana, è di importo pari a 250 euro.

Il coniuge straniero può acquistare la cittadinanza italiana su domanda, se residente all´estero, dopo 3 (tre) anni di matrimonio, e se residente in Italia, dopo 2 (due) anni di residenza legale dopo il matrimonio.

Tali termini sono ridotti della metà in presenza di figli minori nati o adottati dai coniugi; dall´aggiornamento e regolarizzazione della posizione anagrafica-AIRE; validità del matrimonio e permanenza del vincolo coniugale fino al rilascio del decreto; assenza di sentenze di condanna per reati per i quali sia prevista una pena non inferiore nel massimo a tre anni di reclusione o di sentenze di condanna da parte di un´Autorità giudiziaria straniera ad una pena superiore ad un anno per reati non politici; assenza di condanne per uno dei delitti previsti nel libro secondo, titolo I, capi I, II e III del codice penale (delitti contro la personalità dello Stato); assenza di motivi ostativi per la sicurezza della Repubblica.

A partire dal 1 agosto 2015, i soggetti residenti all´estero devono presentare la domanda di acquisto della cittadinanza italiana per via telematica secondo la nuova procedura stabilita dal competente Ministero dell´Interno.

Il richiedente deve registrarsi sul portale dedicato, denominato ALI, al seguente indirizzo: https://cittadinanza.dlci.interno.it e, effettuato il login, avrà accesso alla procedura telematica per la presentazione della domanda di cittadinanza.

Al fine di facilitare l´ individuazione della Rappresentanza diplomatico-consolare competente territorialmente a ricevere l´istanza, all´indirizzo internet sopra citato è presente un link di collegamento che consente all´utente – dopo aver selezionato lo Stato di residenza – di scegliere, tramite un menù a tendina, la Rappresentanza competente accedendo ad un elenco che comprende l´intera Rete diplomatico consolare del Paese selezionato.

L´utente deve compilare tutti i campi previsti dal modulo ed inserire i seguenti quattro documenti obbligatori indicati dal Ministero dell´Interno per effettuare la richiesta di cittadinanza:

a) estratto per riassunto dell´atto di matrimonio rilasciato dal Comune di competenza con validità massima di 180 giorni.

b)estratto di nascita del Paese di origine (in regola con gli obblighi prescritti dalla vigente legislazione in materia di Apostille e traduzione) completo di tutte le generalità (nome, cognome, data e luogo di nascita) oltre alla paternità e maternità dell´istante ovvero certificato di nascita integrale (“ de inteiro teor “), con validità massima di 180 giorni.

c)certificato penale di origine e di eventuali Paesi terzi di residenza a partire dai 14 anni di età ( “Antecedentes criminais” nazionale rilasciato dalla Polizia Federale), detto SINIC (www.dpf.gov.br), con validità massima di 90 giorni.

d)ricevuta del versamento/incasso di 250 EURO in favore del Ministero dell´Interno, come dalle coordinate sottoelencate:

Al Ministero dell´Interno D.L.C.I Cittadinanza

Denominazione della Banca  :  Poste  Italiane  S.p.A.

IBAN   :  IT54D0760103200000000809020

Motivazione: Richiesta cittadinanza per matrimonio (indicare il nome e cognome del richiedente e del coniuge italiano).

BIC / SWIFT CODE di  Poste Italiane : BPPIITRR

EURO  250,00

e) fotocopia autenticata dall’Ufficio Notarile (“Cartorio”) delle pagine con i dati personali  del passaporto brasiliano valido e del documento di riconoscimento-RG. Non saranno accettati la patente di guida (CNH) o altri documenti di riconoscimento. Presentare gli originali insieme alle fotocopie al Consolato.

f) Prova di residenza personale dei richiedenti con validità massima di 90 giorni. 
Certificato della giustizia elettorale recante il domicilio dell’elettore (www.tse.jus.br/eleitor/servicos ); Titolo di elettore originale e fotocopia fronte/retro; copia della prima pagina della dichiarazione dei redditi dell’ultimo esercizio; ricevuta di pagamento delle tasse universitarie con indicazione dell’indirizzo dello studente; lettera di avviso del pagamento della pensione.

Si rammenta che dimostrare l’effettiva residenza è onere esclusivo del richiedente. Questo Consolato si riserva il diritto di chiedere altre documenti.

Dopo la presentazione della domanda per via telematica l´utente verrà convocato dalla Rappresentanza diplomatico consolare che ha ricevuto l´istanza, per l´identificazione e gli altri adempimenti necessari al perfezionamento della domanda compresa l´acquisizione in originale della documentazione allegata all´istanza presentata on line e di ogni altro documento utile per l´istruttoria della stessa. A tal proposito si precisa che i seguenti atti: estratto dell´atto di matrimonio, certificato di stato di famiglia, certificato di cittadinanza italiana del coniuge sono sostituiti, qualora il richiedente sia cittadino UE, da autocertificazione resa ai sensi del DPR n.445/2000 e da ultimo dalla Legge n.183/2011.

In base all´art. 4, comma 5 del DPR n.572/93, è comunque facoltà del Ministero dell´Interno di richiedere, a seconda dei casi, altri documenti che riterrà opportuni.

Nel caso ritenga necessario, la persona interessata potrà rivolgersi all´indirizzo:  recife.naturaliz@esteri.it   . 


204