Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Unione civile tra persone dello stesso sesso

 

Unione civile tra persone dello stesso sesso

Trascrizione in Italia di atti di unione civile o di matrimonio costituiti all’estero tra persone dello stesso sesso

Con la recente normativa approvata in Italia (Legge n. 76 del 20.05.2016, entrata in vigore il 05.06.2016 e il DPCM (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri) n.144 del 23.07.2016, entrato in vigore il 29.07.2016), è possibile richiedere, per il tramite dell’Autorità Consolare, al Comune italiano competente, la trascrizione degli atti costituiti all’estero sia di matrimonio che di unione civile tra persone dello stesso sesso (art. 8, comma 3).

Pertanto il cittadino italiano che all’estero, secondo la legge locale, abbia contratto unione civile o matrimonio con persone dello stesso sesso può richiedere la trascrizione di tali atti anche se avvenuti prima dell’entrata in vigore della suddetta Legge n. 76/2016.

I suddetti atti, verranno trascritti nell’ordinamento italiano quali "unioni civili" nell’apposito Registro Provvisorio delle Unioni Civili istituito presso ciascun Comune (art. 9, comma 1, DPCM 144/2016). Nei documenti e negli atti in cui è prevista l’indicazione dello stato civile, a richiesta degli interessati, verranno utilizzate le formule di "unito o unita civilmente" (art.7, comma 2, DPCM 144/2016).

Pertanto, per ottenere la trascrizione in Italia dell’atto di matrimonio o di unione civile tra persone dello stesso sesso bisogna presentare all’Ufficio Consolare i seguenti documenti:

1. formulario per la trascrizione firmato da entrambi gli uniti civilmente; prego indicare tutte le notizie richieste, in particolare, il luogo e la data dell’unione civile (o del matrimonio), il precedente stato civile:

2. l’atto di unione civile (Matrimonio), in originale, munito di "Apostille" (legalizzazione internazionale);

3. traduzione in italiano (fatta da traduttore giurato) dell’atto di unione civile (Matrimonio);

4. fotocopia dei passaporti o delle carte d’identità validi per le due persone unite civilmente;

 


148