Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Dichiarazioni di valore

 

Dichiarazioni di valore

1. Cos'è una Dichiarazione di Valore

La Dichiarazione di valore in loco è un documento ufficiale, redatto in italiano, attestante l’autenticità e legittimità della documentazione presentata, rilasciato dalle Rappresentanze diplomatiche italiane a coloro che, avendo conseguito un titolo di studio presso Istituti di Istruzione stranieri, intendono proseguire gli studi in Italia, avviare le procedure di riconoscimento dei titoli di studio, o di riconoscimento professionale.

I fini per i quali può essere richiesta la Dichiarazione di valore sono:

a) proseguimento degli studi scolastici e universitari;

b) iscrizione presso le Università;

c) omologazione di un titolo universitario per il proseguimento degli studi post lauream (master, dottorato, etc.);

d) riconoscimento professionale.

Considerato che i titoli di studio o professionali conseguiti all’estero non hanno di per sé valore legale in Italia, le procedure prevedono che per ottenere il riconoscimento del titolo di studio, il richiedente presenti all’amministrazione competente la Dichiarazione di Valore, che ai sensi del R.D. 31 agosto 1933, n. 1952 viene rilasciata dalle Ambasciate e dai Consolati italiani.

Al riguardo, si ricorda che la competenza per il riconoscimento dei cicli e dei periodi di studio svolti all’estero e dei titoli di studio stranieri, ai fini dell’accesso all’istruzione superiore, del proseguimento degli studi universitari e del conseguimento dei titoli universitari italiani, è attribuita alle singole Università ed agli Istituti di istruzione universitaria, che la esercitano nell’ambito della loro autonomia e in conformità ai rispettivi ordinamenti, fatti salvi gli accordi bilaterali in materia. Tale procedura non trasforma il titolo estero di scuola secondaria in un titolo italiano ma consente l’ingresso a corsi di laurea e post-laurea.

In tal senso si è pronunciato anche il Consiglio di Stato (sentenza n. 4613 del 4/9/07), rilevando come” [...] per quel che riguarda i titoli di studio conseguiti nell’ambito dell’U.E., alla Dichiarazione di Valore non può essere riconosciuto un ruolo decisivo e discriminante. Infatti, la P.A. ha l’obbligo di motivare le sue decisioni con riguardo ai contenuti formativi del diploma, non semplicemente in relazione ad aspetti estrinseci rispetto alle competenze ed alle abilità professionali attestate dal titolo, quale formalmente è la Dichiarazione di Valore, ma sulla base di una valutazione sostanziale, mediante l’impiego (da valutarsi caso per caso da parte del responsabile del procedimento) di tutti gli strumenti istruttori normalmente disponibili (inclusa la corrispondenza diretta e/o diplomatica, considerata tuttavia nel suo aspetto ordinario di fonte di informazioni non aventi carattere esclusivo o infungibile).

La Dichiarazione di Valore ha l’unico scopo di descrivere il valore acquisito dal Titolo di studio nel Paese di origine e, ai fini del riconoscimento dei titoli o affinché si intenda spendere i titoli nei rapporti con le pubbliche Amministrazioni o per l’esercizio di professioni regolamentate, essa deve essere presentata alle competenti Autorità italiane, vale a dire:

- le istituzioni scolastiche (nel caso in cui gli studi scolastici obbligatori debbano essere ancora ultimati);

- gli Ambiti Territoriali (ex Uffici scolastici provinciali) per i diplomi di livello pre-universitario;

- gli Atenei, per ottenere il riconoscimento delle Lauree estere;

- il Ministero dell’istruzione, Università e Ricerca per il riconoscimento accademico dei dottorati (Ph.D.) esteri;

- i vari Ministeri per quanto concerne i riconoscimenti professionali (ai fini dell’esercizio di professioni regolamentate).

Gli stranieri e gli italiani residenti all’estero possono richiedere la dichiarazione di valore presentando all’Ufficio Studi di questo Consolato una domanda che deve essere corredata dalla documentazione prescritta. L’Ufficio Studi di questo Consolato dovrà inoltre accertare e certificare che i titoli di studio di scuola media superiore consentono l’ammissione ai corsi universitari nell’ordinamento del Paese nel quale sono stati conseguiti.

L’Ufficio Studi di questo Consolato Generale deve inoltre accertare e certificare che i titoli di studio di scuola media superiore consentono l’ammissione ai corsi universitari nell’ordinamento del Paese nel quale sono stati conseguiti ("Dichiarazione di valore in loco").

 

2. Come ottenere la Dichiarazione di Valore

Il Consolato rilascia - su richiesta dell'interessato - dichiarazioni di valore di titoli di studio conseguiti presso istituti di insegnamento (scuole, istituti universitari, università ecc.) operanti nella Regione Nordest del Brasile.

L'Ufficio Studi riceve solo su appuntamento fissato tramite la e-mail recife.studio@esteri.it.

I documenti dovranno essere consegnati e ritirati personalmente o da un terzo appositamente delegato. In quest’ultimo caso, sarà accettata una delega semplice, senza la necessità del riconoscimento di firma in cartorio, corredata dal documento di identità del richiedente e dal documento di identità del delegato. La documentazione non potrà essere in nessun caso inviata né per posta ordinaria né per e-mail. In alternativa, gli interessati possono inoltrare la richiesta per il tramite dei Consolati onorari di Salvador e Fortaleza i quali, dopo l’analisi della documentazione, provvederanno all’invio al Consolato. Qualora la documentazione presentata fosse incompleta o non conforme alle istruzioni, la stessa sarà restituita al momento stesso, fornendo indicazioni adeguate per la regolarizzazione. Questo Consolato si riserva il diritto di sollecitare documenti aggiuntivi ogni qualvolta lo ritenga necessario.

Il rilascio della dichiarazione di valore sarà gratuito qualora il richiedente possa comprovare l'effettivo proseguimento dei propri studi in Italia. A tal fine sarà necessario presentare una lettera che comprovi un vincolo tra lo studente e l’Università o l’istituto di formazione italiana presso il quale si intende studiare. Nel caso in cui non sia possibile comprovare il proseguimento degli studi o nel caso di riconoscimento della propria professione, il rilascio della Dichiarazione di Valore sarà a pagamento (Vedi TABELLA PERCEZIONI CONSOLARI ART. 66N (DV) e 71 -per ogni documento di cui si richiede la copia conforme). Si precisa che il servizio richiesto non sarà prestato finché il settore competente non avrà ricevuto la conferma del deposito sull’estratto del conto corrente.

Importante: Consigliamo di entrare in contatto con l’istituzione scolastica italiana di interesse e di verificare tutte le informazioni necessarie per l’iscrizione dell’interessato/a al corso desiderato, prima di formulare la richiesta di Dichiarazione di Valore.

 

3. Documenti da presentare per il rilascio della Dichiarazione di Valore

a. RICHIESTA di emissione della Dichiarazione di Valore, indirizzata al Consolato d’Italia a Recife, completa di tutti i dati personali dell'interessato e dell’indicazione di tutta la documentazione presentata. Tale richiesta dovrà essere datata e firmata dall’interessato o dal suo delegato. INDICARE SEMPRE IL RECAPITO TELEFONICO E L’INDIRIZZO E-MAIL.

 

b. DOCUMENTI

Di seguito sono elencati i documenti necessari per richiedere la Dichiarazione di Valore, in base al ciclo di studi completato.

A) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (Ensino Fundamental) e SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE INCOMPLETA (Ensino Medio incompleto)

1)Modulo di richiesta della dichiarazione di valore compilato e firmato dal richiedente (o dal tutore se il richiedente è minorenne), in originale.

2) Copia del passaporto valido intestato al richiedente;

3) Fotocopia della RG o della RNE con data di emissione inferiore a 10 anni o passaporto valido del responsabile, se il richiedente è minorenne.

4) Curriculum scolastico in originale e traduzione giurata in italiano, entrambi con apostille.

5) In caso di presentazione di una copia del curriculum scolastico in formato digitale, sarà necessario presentare la dichiarazione di autenticità della stessa, in originale e apostillata.

Attenzione: per evitare che i documenti originali (certificati ed i curricula scolastici) non vengano allegati alla Dichiarazione di Valore, gli interessati possono presentare le copie conformi autenticate e apostillate (le apostille degli originali fotocopiate dovranno essere nuovamente apostillate).

 

B) SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE (Ensino Medio)

1) Modulo di richiesta della dichiarazione di valore compilato e firmato dal richiedente, in originale.

2) Fotocopia del passaporto valido del richiedente.

3) Fotocopia della RG o della RNE con data di emissione inferiore a 10 anni o passaporto valido del responsabile, se il richiedente è minorenne.

4) Certificato di conclusione e traduzione giurata in italiano, in originale e con apostille.

5) Curriculum scolastico (Historico Escolar) in originale e traduzione giurata in italiano, entrambi con apostille.

6) In caso di presentazione di una copia del Curriculum scolastico in formato digitale, sarà necessario presentare la dichiarazione di autenticità della stessa, in originale e apostillata.

Attenzione: per evitare che i documenti originali (certificati ed i curricula scolastici) non vengano allegati alla Dichiarazione di Valore, gli interessati possono presentare le copie conformi autenticate e apostillate (le apostille degli originali fotocopiate dovranno essere nuovamente apostillate).

Informiamo che per iscriversi all'università in Italia sono necessari almeno dodici anni di scolarità. I candidati che hanno frequentato la scuola primaria in Brasile prima dell'entrata in vigore della Legge federale brasiliana 11274/2006, al termine della scuola secondaria potranno dimostrare solamente undici anni di scolarizzazione, indipendentemente dal fatto che siano stati alfabetizzati o meno alla scuola materna. Pertanto, per completare il percorso scolastico minimo di dodici anni richiesto dalle università italiane, il richiedente deve aver integrato gli studi frequentando e superando TUTTE le materie previste nel primo anno (o nei primi due semestri) di un corso universitario riconosciuto dal MEC.

In questi casi, il richiedente, in possesso del ciclo di studi scolastico completo (istruzione primaria e secondaria di primo grado e completamento della scuola superiore), dovrà presentare anche il curriculum accademico dei primi due semestri di qualsiasi corso di laurea, con prova del superamento di tutte le materie previste per le rispettive griglie.

 

C) CORSO DI LAUREA, POST LAUREA, MASTER e DOTTORATI

1) Modulo di richiesta della dichiarazione di valore, compilato e firmato dal richiedente, in originale.

2) Fotocopia del passaporto valido del richiedente.

3) Diploma di laurea, master e/o dottorato in originale e traduzione giurata in italiano, entrambi apostillati.

4) In caso di presentazione di una copia del Diploma in formato digitale, è necessario presentare la dichiarazione di autenticità dello stesso, in originale e apostillata.

5) Curriculum scolastico in originale e traduzione giurata in italiano, entrambi apostillati.

6) In caso di presentazione di una copia del curriculum scolastico in formato digitale, sarà necessario presentare la dichiarazione di autenticità della stessa, in originale e apostillata.

Attenzione: per evitare che i documenti originali (certificati ed i curricula scolastici) non vengano allegati alla Dichiarazione di Valore, gli interessati possono presentare le copie conformi autenticate e apostillate (le apostille degli originali fotocopiate dovranno essere nuovamente apostillate).

 

 

D) RICONOSCIMENTO DELLA PROPRIA PROFESSIONE IN ITALIA

1) Modulo di richiesta della dichiarazione di valore, compilato e firmato dal richiedente, in originale.

2) Fotocopia del passaporto valido del richiedente.

3) Diploma di laurea, master e/o dottorato in originale, apostillati e traduzione giurata in italiano, anch'essa apostillata.

4) In caso di presentazione del Diploma in formato digitale, sarà necessario presentare la dichiarazione di autenticità dello stesso, in originale e apostillata.

5) Curriculum scolastico in originale e traduzione giurata in italiano, entrambi apostillati.

6) In caso di copia digitale del curriculum scolastico, lo studente dovrà presentare l'originale e la dichiarazione di autenticità del suddetto documento in originale e apostillata.

 7) Dichiarazione del Consiglio Professionale Regionale in originale e traduzione giurata in italiano, entrambi apostillati. La dichiarazione deve contenere le seguenti informazioni:

- Numero di registrazione del richiedente

- Legge federale che regola l'esercizio della professione in Brasile

- Attività professionale che il titolo abilita ad esercitare in Brasile

- Assenza di impedimenti al legittimo esercizio della professione in Brasile da parte del richiedente.

Attenzione: per evitare che i documenti originali (certificati ed i curricula scolastici) non vengano allegati alla Dichiarazione di Valore, gli interessati possono presentare le copie conformi autenticate e apostillate (le apostille degli originali fotocopiate dovranno essere nuovamente apostillate).

 

ATTENZIONE:

RICORDIAMO CHE TUTTI I DOCUMENTI PER IL RILASCIO DELLA DOVUTA DICHIARAZIONE DI VALORE IN LOCO DOVRANNO ESSERE PRESENTATI CON “APOSTILLE”: SIA L’ORIGINALE IN LINGUA PORTOGHESE CHE LA TRADUZIONE GIURATA.

I documenti presentati saranno allegati alla Dichiarazione di Valore in loco da presentare all’Istituzione scolastica italiana. Nel caso in cui non si volessero perdere i documenti originali, è necessario presentare la copia conforme autenticata (con inclusa la apostilla originale) e nuovamente apostillata o richiederne la copia conforme.

L'apostilla dell'originale deve essere relativa alla firma di chi attribuisce il certificato (e non di chi lo autentica presso lo studio notarile). L'originale della traduzione giurata deve essere firmato dal traduttore. L'apostilla della copia autenticata deve essere firmata dal notaio che autentica la copia. 

 

 

 

 

 

 

 


40