Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Visto per ricongiungimento familiare

Per questo tipo di visto, tutte le procedure vengono svolte in Italia dal familiare straniero residente in Italia che deve presentare la richiesta alla Questura – Sportello Unico:

https://www.interno.gov.it/it/notizie/stranieri-totalmente-digitale-procedura-ricongiungimento-familiare

Il Consolato può rilasciare il visto solo al termine di queste procedure e solo dopo aver ricevuto il “Nulla Osta” per via telematica.

Per richiedere il visto per ricongiungimento familiare è necessario presentare:

  • NULLA OSTA emesso dalla “QUESTURA, SPORTELLO ÚNICO” che ci viene inviato esclusivamente per via informatica nel nostro sistema (consegnarne copia il giorno dell’intervista).
  • Copia autenticata del certificato che attesta il rapporto di parentela.
  • Lettera d’invito da parte del familiare residente in Italia.
  • Assicurazione di viaggio
  • Prenotazione del volo, ricordando che al momento dell’acquisto del biglietto sarà necessario mantenere gli stessi scali aeroportuali indicati nella prenotazione del volo.
  • Modulo D compilato
  • Modulo riassuntivo compilato su PC
  • Pagamento dei diritti consolari dell’importo specifico per il tipo di visto. Il tariffario dei visti, a causa delle variazioni dei tassi di cambio, è aggiornato trimestralmente e pubblicato nella pagina “Valori Percezioni Consolari” (Art. 29);
  • Tutta la documentazione elencata qui sopra e nella sezione “INFORMAZIONI GENERALI PER TUTTI I TIPI DI VISTO/1. Documentazione” dovrà essere necessariamente presentata debitamente STAMPATA (NON sarà accettata se presentata sul cellulare o inviata per email).

Nota 1: Le persone maggiorenni invitate per il ricongiungimento familiare devono dimostrare validi motivi di dipendenza economica o di altra natura alla “Questura / Sportello Unico”.

Nota 2: Si ricorda che chi sta richiedendo un visto per studio o lavoro e vuole portare con sé persone del proprio nucleo familiare, dovrà viaggiare da solo e solo in un secondo momento, dopo aver ottenuto il “Permesso di Soggiorno”, potrà richiedere il “ricongiungimento familiare” recandosi personalmente in Questura / Sportello Unico come descritto sopra. In alternativa, una volta ottenuto il visto, il richiedente potrà chiedere il ricongiungimento familiare per procura.

Nota 3: si fa presente che al momento la “união estavel” ratificata in Brasile NON consente il rilascio del visto per ricongiungimento familiare. Si sottolinea che non è possibile ratificare una convivenza di fatto in Italia se i due soggetti dichiaranti risiedono in Paesi diversi.